MIA PHOTO FAIR 2019

MIA PHOTO FAIR 2019 

Proposta MIA

l'Orizzonte imperfetto

Milano – The Mall Porta Nuova

22 – 25 marzo 2019

Il  progetto  " L'Orizzonte Imperfetto"

è vincitore ex equo della 1° Edizione del  premio:

Premio Rossana Orlandi

Vai alla pagina

Al MIA  PHOTO FAIR

sono state presentate delle stampe in formato "Reale"

realizzate su "Carta italiana a tino Enrico Magnani Pescia"

con inchiostri carbon based a cura di ACSAF

vai alla galleria

Rassegna Stampa

vai alla rassegna


Febbraio 2019

Massimo Pelagagge, L’orizzonte imperfetto

Immagini stenopeiche nel nome di una fotografia lenta, meditata, capace di accogliere frammenti di un tempo in divenire; nel nome di una fotografia imprevedibile, dove il controllo è arduo e ci si deve confrontare con gli errori fidando solo nell’esperienza, nella capacità di trasformare le imperfezioni in nuove possibilità, la pazienza in una virtù.
Una grande pazienza: Massimo Pelagagge, usando solo una fotocamera stenopeica, crea foto singole ma anche dittici e trittici che paiono dilatare ancor di più il tempo, per aprirsi verso l’infinito degli orizzonti marini della “sua” Maremma e poi incunearsi tra arcate pietrose che rimandano a un passato quasi arcaico.
Ponendosi rasoterra (cioè allo stesso livello delle lastre possenti che formano il selciato delle strade) lo sguardo sembra aprirsi un varco, un tunnel visivo, proteso verso un ristretto arco luminoso che, fra grandi ombre, si apre all’orizzonte.
Come se, nell’oltre del buio, ci fosse la possibilità di un respiro, o di un pertugio lucente, o di un raggio abbagliante che da laggiù ci guarda e ci interpella.
Tali tunnel visivi sono sempre a doppio senso: non si tratta semplicemente di una sorta di binocolo o di faro, per districarsi fra le penombre e mirare più lontano incorniciando magari un ulivo o una casa.
Essi creano anche, per converso, una corrente visiva opposta: sembrano infatti dar vita a uno sguardo nebuloso, inafferrabile che sorge, che spunta da un lontano altrove per fissare, enigmaticamente, proprio noi.
Del resto, quella di essere osservati da uno sguardo altro, è sensazione ricorrente in queste immagini di Pelagagge: come se tutto si giocasse a partire dallo sfuocato lampo d’occhi con cui una maschera indefinibile emerge dall’orizzonte incerto del senso per chiedere a noi quale sia il senso della vita.
Evocative e misteriose le sue immagini sono simili a visioni con gli occhi socchiusi. Ricordano sogni dove la realtà fa baluginare il suo lato nascosto e inafferrabile, per invitarci a guardare meglio e ridare profondità al mondo.

Gigliola Foschi


MIA PHOTO FAIR 2019

MIA Photo Fair nasce nel 2011 con l’obiettivo di evidenziare il ruolo trasversale che la fotografia e l’immagine in movimento hanno assunto tra i linguaggi espressivi dell’arte e  del sistema dell’arte contemporanea.

MIA Photo Fair offre ai collezionisti d’arte la possibilità di visitare una vivace e innovativa fiera dove poter ammirare sia le opere di artisti storici che di artisti emergenti, selezionati con cura dal Comitato di Selezione.

Sono stati più di 25.000 i visitatori dell’ottava edizione di MIA Photo Fair, 90 gallerie di cui 37 provenienti dall’estero con più di 300 artisti esposti, 20 editori specializzati e 12 artisti indipendenti all’interno di una superficie espositiva di 5.000 mq.

Proposta MIA
Uno degli appuntamenti più attesi di MIA Photo Fair, fin dalla sua prima edizione, è Proposta MIA, la sezione dedicata a fotografi indipendenti selezionati dal comitato scientifico, che si presentano al mondo delle gallerie e al pubblico e che, nel tempo, si è rilevata essere una vera risorsa per gli autori, consentendo a molti di loro di entrare a fare parte della scuderia di prestigiose gallerie.

MIA PHOTO FAIR

22- 25 Marzo 2019

The Mall, Piazza Lina Bo Bardi, 1, 20124 Milano MI

 

Galleria fotografica

Stampe su Carta a Tino Enrico Magnani